Jump to content

Garage e masturbazione, ovvero il piacere di fare le cose da solo.


Guest
 Share

Recommended Posts

Il gusto sottile e fondamentale che prova ogni Motociclista quando può chiudersi nel proprio garage per dedicarsi alla cura, alla manutenzione o, nei casi di particolare competenza, gusto e capacità manuali, al tuning del proprio ferro è unico e impagabile. Modificare alcune parti, saldare, tagliare, rivestire, lubrificare, sostituire; in pratica, interagire con la propria moto.
É un sapore arcaico, che viene da lontano nella nostra memoria di adolescenti e che si apprezza le prime volte da giovani, quando si comincia a cercare la chiave apposta o appositamente modificata, ereditata spesso da un genitore o un fratello maggiore, lo strumento giusto per smontare ad esempio la candela del motorino, rigorosamente due tempi, dopo che si è bagnata e anche solo per asciugarla con un pezzo di carta; oppure, su consiglio di un amico, le davamo fuoco dopo averla immersa nella benzina; o ancora si tolgono le scorie dal metallo per migliorare la conduzione della corrente con l'ausilio di una carta abrasiva. Quel piccolo gesto di alesatura che ricorda così da vicino lo stesso movimento che si impara a compiere da soli, esplorando le prime volte il proprio corpo e scoprendo  la nostra, di candeletta, chiusi in bagno o nella cameretta magari in compagnia di un giornaletto semi-innocente come Blitz, Ginfizz o successivamente il Postal Market, dove si iniziava a intravedere perlomeno un po' del pelo che le modelle di intimo femminile di allora evidentemente non estirpavano. Quel piacere enorme che regalava e regala una soddisfazione immediata, gratuita e impagabile rimarrà sempre nel ricordo nostalgico di ogni garagista come il momento della scoperta del corpo, meccanico, che col tempo e l'esperienza risponderà alle giuste sollecitazioni e regolazioni.
Oltre al gusto di aver fatto da solo, risolvendo un eventuale problema con enorme soddisfazione, l'intimità del garage permette una conoscenza profonda del proprio mezzo, che si esplora centimetro per centimetro, valutando usure e attriti, parti stressate o mal fissate, stato di ogni singolo componente, ma con la dovuta tranquillità, alla velocità che si vuole e senza dover rispondere a nessun altro, valutandone le esigenze o le richieste.
E senza il bisogno, che in alcune occasioni può risultare persino stressante, di dover interagire con altre persone, di dover dimostrare una prestazione, giustificare il proprio operato.
Alla fine, l'importante è soddisfarsi da soli ma ormai con i tempi che corrono i momenti sono sempre più rari.
Link to comment
Share on other sites

Quanto è vero! La propria Batcaverna, la personale Sala Giochi, quella tela su cui dipingiamo e diamo forma ai nostri progetti... o almeno ci proviamo. Nella mia c'è la mia moto (con colorazione originale, prima dell'attuale nero e cromo), i miei attrezzi da carrozziere (non sono bravo a smontare candele ma a lucidare carrozzerie non me la cavo male), I miei attrezzi da palestra, per fare trazioni e piegamenti alle parallele... appesi al muro,  l'armadietto dove ripongo caschi, stivali, giubbotti da moto, proprio come se fossero una divisa da supereroe... tanto ancora che non si vede ma che nasce nella mia mente di adolescente e che mi serve ORA per ritemprare le mie energie. 

IMG_20181230_095311.png

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, GianfrancoGT dice:

Quanto è vero! La propria Batcaverna, la personale Sala Giochi, quella tela su cui dipingiamo e diamo forma ai nostri progetti... o almeno ci proviamo. Nella mia c'è la mia moto (con colorazione originale, prima dell'attuale nero e cromo), i miei attrezzi da carrozziere (non sono bravo a smontare candele ma a lucidare carrozzerie non me la cavo male), I miei attrezzi da palestra, per fare trazioni e piegamenti alle parallele... appesi al muro,  l'armadietto dove ripongo caschi, stivali, giubbotti da moto, proprio come se fossero una divisa da supereroe... tanto ancora che non si vede ma che nasce nella mia mente di adolescente e che mi serve ORA per ritemprare le mie energie. 

IMG_20181230_095311.png

Grazie per la testimonianza @GianfrancoGT e la foto del tuo angolo di paradiso. Sarebbe bello se ognuno facesse come te e postasse la foto del proprio.Questo è il mio ed ahimè dalla stesa di lenzuola si capisce chiaramente che ci trascorro sempre meno tempo a trastullarmelo.

 

1DEAF845-4799-4031-B8AA-7982AFBCB855.jpeg

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo io non ho un mio tempio ed una la tengo in un garage di un amico, un’altra in un magazzino del negozio e quella che uso giornalmente sotto un balcone.

vi invidio tanto un garage dove tenerle tutte vicine e fermarmi a guardarle prima di rientrare a casa.

Link to comment
Share on other sites

My garage became a workshop. My workshop moved and became my company. My company / workshop is my living room, design studio, hell kitchen, a place where many crazy things are created / made and a place of encounters. The workshop is also a place of many different emotions, such as joy, disappointment, curiosity, pain and love.

A workshop is a place of construction and creation, which is sometimes associated with a lot of blood and sweat!

That's my life - love - passion!

 

Edited by Duci
  • Like 5
Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, Duci dice:

My garage became a workshop. My workshop moved and became my company. My company / workshop is my living room, design studio, hell kitchen, a place where many crazy things are created / made and a place of encounters. The workshop is also a place of many different emotions, such as joy, disappointment, curiosity, pain and love.

A workshop is a place of construction and creation, which is sometimes associated with a lot of blood and sweat!

That's my life - love - passion!

20180530_193228.jpg

Thanks for sharing @Duci.

I can understand your thoughs and feelings, I agree about all of course.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
On 12/31/2018 at 11:09 AM, Duci said:

My garage became a workshop. My workshop moved and became my company. My company / workshop is my living room, design studio, hell kitchen, a place where many crazy things are created / made and a place of encounters. The workshop is also a place of many different emotions, such as joy, disappointment, curiosity, pain and love.

 A workshop is a place of construction and creation, which is sometimes associated with a lot of blood and sweat!

That's my life - love - passion!

 

How much I love this place where you can also drink a good espresso!

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use Privacy Policy We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.